Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

CIO: WAKO, IFMA E FIAS VERSO IL PIENO RICONOSCIMENTO

Giornata storica per la World Association of Kickboxing Organizations (WAKO), l'International Sambo Federation (FIAS) e l'International Federation of Muaythai Associations (IFMA), sempre più vicine al pieno riconoscimento da parte del CIO.

Infatti, l'Esecutivo del Comitato Olimpico Internazionale ha proposto per la prossima sessione del CIO l'approvazione per sei Federazioni Internazionali "provvisoriamente riconosciute" al "pieno riconoscimento" del CIO, in conformità dei criteri richiesti dalla Carta Olimpica:

- L'International Cheerleading Union (ICU) – riconosciuta provvisoriamente nel 2016;
- La Federazione Internazionale delle Associazioni Muaythai (IFMA) – riconosciuta provvisoriamente nel 2016;
- La International Sambo Federation (FIAS) – riconosciuta provvisoriamente nel 2018;
- La Federazione Internazionale Icestocksport (IFI) – riconosciuta provvisoriamente nel 2018;
- La World Association of Kickboxing Organizations (WAKO) – riconosciuta provvisoriamente nel 2018;
- World Lacrosse (WL) – riconosciuto provvisoriamente nel 2018.

La sessione del CIO che si riunirà a Tokyo prima dei Giochi Olimpici si pronuncerà in via definitiva in base alla relazione del Comitato Esecutivo.

Il presidente di Federkombat, Donato Milano, appresa la notizia, ha così dichiarato: "Un giorno importante che resterà nella storia. Un percorso lungo e faticoso terminato con la decisione meritata del riconoscimento CIO  per le nostre federazioni internazionali di riferimento. Ora verso il sogno…. AVANTI TUTTA!".

Nello specifico WAKO, IFMA e FIAS dopo il periodo di riconoscimento provvisorio, hanno continuato a soddisfare tutti i criteri richiesti dal CIO, evidenziando statuti e attività conformi alla Carta Olimpica, adottando e attuando il Codice mondiale antidoping e il Codice del movimento olimpico per la prevenzione della manipolazione nelle competizioni.